Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin
Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin

Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin

by Anna Politkovskaja
pubblicato da Mondadori

8,50
10,00
-15 %
10,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
17 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

II 7 ottobre 2006 Anna Politkovskaja è stata ritrovata nell'androne della sua casa moscovita uccisa da quattro colpi di arma da fuoco. Dopo pochi giorni avrebbe pubblicato sul giornale "Novaja Gazeta" i risultati di una sconvolgente inchiesta sulle torture perpetrate in Cecenia dai russi - l'ultimo reportage di una carriera giornalistica sempre all'insegna del coraggio, della verità, della lotta per i diritti e la dignità umani, per la libertà e la democrazia. Quella che ancora, in Russia, non c'è. Testimone scomoda, sempre in prima linea, ha vissuto sulla propria pelle e raccontato al mondo senza mezzi termini i lati più oscuri della Russia postsovietica, gli episodi più drammatici, dalla strage di bambini nella scuola di Beslan al sequestro di ostaggi al Teatro Dubrovka, alla guerra cecena. Questo volume raccoglie alcuni fra i suoi articoli più sconvolgenti ed emozionanti, racconti agghiaccianti che nella loro scarna obiettività rievocano episodi e tracciano ritratti di persone comuni travolte dalle tragedie della storia: la donna che allattava i piccoli ostaggi di Beslan, il piccolo ceceno che a undici mesi si è visto rapire la mamma, la madre del guerrigliero "desaparecido", le vittime della pulizia etnica a Mosca... Le parole della Politkovskaja rivelano il terrificante clima quotidiano di una Russia lacerata da violenze e soprusi che si vuole tenere nascosta.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Reportage e raccolte giornalistiche , Storia e Biografie » Storia dell'Europa , Politica e Società » Comunicazione e Media » Giornalismo e editoria » Politica e Istituzioni » Diritti umani » Propaganda, controllo politico e libertà

Editore Mondadori

Collana Piccola biblioteca oscar

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/2007

Pagine 307

Lingua Italiano

Lingua Originale Russo

Isbn o codice id 9788804567806

Traduttore Martina Cocchini  -  D. Girelli  -  Davide Girelli  -  M. Cocchini  -  E. Casali  -  Erika Casali

Prefatore Adriano Sofri

2 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin

Anonimo - 26/10/2011 15:58

voto 5 su 5 5

Da leggere. Anna Politkovskaja si è esposta fino a venire fatta fuori pur di dare voce alle ingiustizie e sofferenze che vedeva.Impressionanti le testimonianze raccolte sui fatti del teatro Dubrovka e del dopo-Beslan.

Proibito parlare. Cecenia, Beslan, Teatro Dubrovka: le verità scomode della Russia di Putin

alain - 26/03/2008 18:07

voto 4 su 5 4

Da leggere per rendersi conto che la federazione russa non è poi tanto lontana, nei metodi, dalla vecchia e tanto denigrata Unione Sovietica... e per dimostrare questo la Politkovskaja è morta, così come molte, troppe altre persone.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima