Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Razza del sangue, razza dello spirito. Julius Evola, l'antisemitismo e il nazionalsocialismo (1930-43)
Razza del sangue, razza dello spirito. Julius Evola, l'antisemitismo e il nazionalsocialismo (1930-43)

Razza del sangue, razza dello spirito. Julius Evola, l'antisemitismo e il nazionalsocialismo (1930-43)

by Francesco Germinario
pubblicato da Bollati Boringhieri

Prezzo:
15,49 12,39
Risparmio:
3,10 -20 %
mondadori card 25 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 25 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Dottrinario estremo, nume indiscusso della nuova destra, non solo italiana, Julius Evola elaborò tra la fine degli anni Venti e il periodo della guerra una compiuta teoria razzista antisemita, che i suoi seguaci oggi tentano di dissolvere nel magma del suo pensiero. Invece, consegnato a opere al tempo famose ("Imperialismo pagano", "Il mito del sangue", "Sintesi di dottrina della razza"), e a una miriade di articoli sparsi su riviste e giornali del regime, l'antisemitismo evoliano è perfettamente enucleabile nelle sue dominanti speculative e nei suoi sviluppi politici, e più organico al fascismo di quanto vorrebbe la perdurante leggenda 'frondista' del personaggio. Quello che ancora nel 1942 appariva a Giorgio Almirante un "razzismo da buongustai", gravita attorno alla nozione qualitativa di razza dello Spirito, forza metabiologica di cui la razza del Sangue sarebbe puro "simbolo, segno o sintomo". Un'idea differenzialista e aristocratica che, se sdegna le teorie naziste alla Rosenberg perché naturalistiche e plebee, troppo appiattite sulla Volkgemeinschaft, la nazion-stirpe, accentua via via i contenuti antisemiti, e finisce per auspicare la convergenza tra fascismo e nazismo, entrambi portatori di una "coscienza imperiale" che restaurerà la Tradizione. Nemico di una rinata società dei Valori dominata dalla superraza guerriera romano-ariana è l'Ebreo, il detrito razziale, l'inclassificabile, anzi la vera antirazza, agente "di oscura contaminazione, di insurrezione permanente degli elementi inferiori". In lui si incarnano la modernità e i disvalori dell'Oro; su di lui frana anche, recuperando il determinismo biologico degli antisemitismi di sempre, l'evoliano razzismo dello Spirito.

Dettagli

Generi Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche

Editore Bollati Boringhieri

Collana Saggi.Storia, filosofia e scienze sociali

Formato Libro

Pubblicato  01/01/2001

Pagine  175

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788833913018


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Razza del sangue, razza dello spirito. Julius Evola, l'antisemitismo e il nazionalsocialismo (1930-43)"

Razza del sangue, razza dello spirito. Julius Evola, l
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima