Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Ventesimo Battaglione eritreo. Il primo romanzo e le lettere inedite dal fronte africano
Ventesimo Battaglione eritreo. Il primo romanzo e le lettere inedite dal fronte africano

Ventesimo Battaglione eritreo. Il primo romanzo e le lettere inedite dal fronte africano

by Indro Montanelli
pubblicato da Rizzoli

2,65
5,90
-55 %
5,90
Disponibile.
5 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

XX Battaglione eritreo è il primo romanzo di Montanelli, quello che racconta la sua guerra d'Etiopia, dato alle stampe nel 1936 e da allora mai più pubblicato. Montanelli mette in luce la dimensione umana che la guerra rischia di distruggere, descrive la situazione dei soldati e delle truppe indigene, le loro paure, il rapporto con la morte. Ma di quell'esperienza esiste anche una testimonianza finora rimasta nel buio: l'epistolario che tenne coi suoi genitori dall'aprile 1935 ai primi mesi del 1936. In quelle lettere dal fronte Indro annotava le condizioni di vita dei soldati, appuntava con irritazione le lunghe attese di uno scontro che tardava a venire ed esortava i suoi coetanei "imboscati" a unirsi a lui: "Questa guerra è per noi come una bella lunga vacanza dataci dal Gran Babbo [Mussolini] in premio di tredici anni di scuola. E, detto fra noi, era ora".

Dettagli

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Ventesimo Battaglione eritreo. Il primo romanzo e le lettere inedite dal fronte africano giovanewerther

giovanewerther - 17/06/2014 16:13

voto 5 su 5 5

I ricordi hanno una potente forza evocativa, le parole di Montanelli sprigionano echi storici parzialmente attraversati da vecchie lezioni di storia che ormai sfuggono. In esse riappare il fascinoso mondo del fascismo agli occhi di un ventenne, la volontà di tuffarsi deliberatamente e con piena cognizione di causa, per la patria in un'impresa coloniale che a mano a mano si rivelerà incosistente, fatua. Un minuzioso resconto storico che assottiglia le ansie e i timori di uno scontro militare atteso e bollato come necessario per la crescita della Patria. La voracità insaziabile che spinge a capitolare lettera dopo lettera, o meglio dire amba dopo amba, è impreziosita da leggende africane, da quel mito che si viene a creare tra colonialisti e ascari. Al di là della cronistoria interessante del libro, della lunghissima quanto difficilissima disputa tra Montanelli e Del Boca, l'opera è un segno tangibile del modus operandi di Montanelli sempre teso all'esplorazione del mondo come dell'animo umano, con una unica chiave di volta: la scrittura.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima