Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Vive la civilisation! Re Leopoldo e il suo Congo
Vive la civilisation! Re Leopoldo e il suo Congo

Vive la civilisation! Re Leopoldo e il suo Congo

by Giulia Piccolino
pubblicato da Ets

8,50
10,00
-15 %
10,00
Disponibile.
17 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Nella forma di una pièce teatrale, che si sviluppa su un fondo di accurate ricerche storiche, si delinea una vicenda, forse non del tutto inattuale, in cui il potere si rivela nei suoi intrighi tentacolari, ma anche nelle sue dimensioni intensamente grottesche. "Vive la Civilisation!" ci mostra anche che, a dispetto della sua forza sopraffazione e di corruzione, a volte il potere nulla può dinanzi a un "lampo di intuizione morale". Nella storia qui raccontata sarà un giovane e oscuro contabile inglese a rivelarne le trame oscure e il volto tragico, segnandone così l'irresistibile declino.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Testi teatrali , Cinema e Spettacolo » Teatro » Testi e critica letteraria

Editore Ets

Formato Brossura

Pubblicato 30/04/2012

Pagine 148

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788846732415

2 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Vive la civilisation! Re Leopoldo e il suo Congo

Anonimo - 11/05/2012 14:08

voto 0 su 5 1

"L'argomento che oggi ci riunisce è uno di quelli che più meritano di attirare l'attenzione degli amici dell'umanità. Aprire alla civiltà l'unica parte del globo in cui essa non è ancora penetrata, squarciare le tenebre che avvolgono intere popolazioni è, oso dire, una crociata degna di questo secolo di progresso; e sono lieto di constatare quanto il sentimento pubblico sia favorevole alla sua realizzazione". Parole enfatiche, ammantate dei miti ottocenteschi di progresso e civilizzazione dei popoli, che facevano appello agli istinti coloniali dell'Occidente, quelle con cui Leopoldo II del Belgio apriva nel 1876 una conferenza geografica a Bruxelles. Era questa la tappa significativa di un'impresa a cui lavorava da tempo, annettere al suo dominio personale un immenso spazio del "cuore di tenebra", come, in un celebre romanzo, Conrad avrebbe definita l'Africa ancora poco esplorata. Inizio di un'immensa tragedia, che, tra fine Ottocento e primi del Novecento, avrebbe causato – secondo la stima degli storici – più di dieci milioni di morti, e segnato in modo indelebile il rapporto tra Occidente "civilizzato" e Africa nera. Su un fondo di accurate ricerche storiche, l'autrice disegna, nella forma di un'avvincente pièce teatrale, una vicenda, forse non del tutto inattuale, in cui il potere si rivela nei suoi intrighi tentacolari, ma anche nelle sue dimensioni intensamente grottesche. Vive la Civilisation! ci mostra anche che, a dispetto della sua forza sopraffazione e di corruzione, a volte il potere nulla può dinanzi a un "lampo di intuizione morale". Nella storia qui raccontata sarà un giovane e oscuro contabile inglese a rivelarne le trame oscure e il volto tragico, segnandone così l'irresistibile declino.

Vive la civilisation! Re Leopoldo e il suo Congo

Anonimo - 11/05/2012 14:05

voto 0 su 5 1

Un libro in cui con leggerezza letteraria, e in alcuni tratti anche con divertimento per il lettore, si fa rivivere uno delle tragiche avventure coloniali sulla base di una profonda conoscenza delle vicende del Congo, territorio privato di Re Leopoldo II dei Belgi, uno dei più spietati e sanguinari speculatori della storia europea moderna. Particolarmente bella la citazione da "Cuore di tenebra" di Conrad.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima