Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La breve favolosa vita di Oscar Wao
La breve favolosa vita di Oscar Wao

La breve favolosa vita di Oscar Wao

by Junot Diaz
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
10,00 8,50
Risparmio:
1,50 -15 %
mondadori card 17 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 29 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

"La breve e favolosa vita di Oscar Wao": già dal titolo si capisce che il romanzo non avrà un lieto fine classico. Ma non importa. Perché la vita di Oscar - ribattezzato Wao da un amico dominicano che storpia il nome di Wilde è davvero favolosa. Da favola. Da favola letteraria, magica e realistica al tempo stesso. Nasce e cresce nel New Jersey, il grasso, poco attraente, intelligente e parecchio eccitato Oscar. Sua madre Belicia è una ex reginetta di bellezza scappata da Santo Domingo perché perseguitata dal clan del dittatore Trujillo, la sorella, Lola, è una ragazza dolce, assennata e insieme spericolata come tutte le dominicane di Diaz. L'intero albero genealogico di Oscar, come quello di altre migliaia di dominicani, è composto da figure torturate, espropriate, martirizzate.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Mondadori

Collana Piccola biblioteca oscar

Formato Tascabile

Pubblicato  01/05/2009

Pagine  346

Lingua Italiano

Titolo Originale The Brief Wondrous Life of Oscar Wao

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788804586890


Traduttore S. Pareschi

2 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
La breve favolosa vita di Oscar Wao jimmydoyle

jimmydoyle - 29/10/2014 18:43

voto 3 su 5 3

Prende il nome dal protagonista, ma del protagonista parla molto meno di quanto sia lecito pensare. Diaz se vogliamo ha caratterizzato il suo personaggio basandolo sul paradosso. Da un paese povero e sotto regine totalitario, ha plasmato questo ragazzo appassionato di letteratura fantasy e di giochi di ruolo; antitetico all'idea del dominicano caliente, lo ha pensato obeso e solo. Le premesse sono ottime, così come i suoi dialoghi, che in alcuni fasi sono davvero esilaranti. Questi sono meriti dell'autore, capace anche di dipingere un paese bellissimo, vessato dal violento dittatore, attraverso gli episodi drammatici della madre di Oscar, in cui ha ampio spazio la superstizione popolare (i fukù) che tanto influisce sulla stesura di questo lavoro. I riferimenti ai fumetti e al fantasy abbondano, dagli eroi Marvel agli hobbit, con relativo glossario. Non ho gradito l'uso continuo dei termini dominicani, tradotti in un indice a fine libro. Se alcuni sono intraducibili perchè parte della cultura popolare, per altri sembra ci sia stata quasi pigrizia. Un bel libro, ma non un Pulitzer, vinto a mio parere più per demerito della concorrenza.

La breve favolosa vita di Oscar Wao mousemouse

MAURIZIO RICCI - 07/10/2013 17:38

voto 5 su 5 5

Un talento eccezionale, uno stile brillante e pirotecnico per una storia complicata per eventi, personaggi e salti temporali ma lineare nell'idea centrale: Oscar dé Leon è un nerd, un uomo sbagliato pienamente consapevole dei propri limiti "sociali", prigioniero della letteratura fantasy. Chiuso in casa, scrive come un ossesso, riempie migliaia di pagine di regni dell'altrove, principesse cosmiche e supereroi, ma nessuno pubblicherà mai questa sterminata produzione. Una prigione quasi felice, fino a un certo punto: è un adolescente sognatore, cambierà. Ma diventa grande, e il rifiuto da parte degli altri, e soprattutto delle donne, lo rende un reprobo, un essere ridicolo e noioso. L'amore vero arriva tardi, ed è l'amore "sbagliato" di Ybòn. Oscar cercherà il proprio destino e lo troverà a Santo Domingo (che l'autore descrive come un inferno, forse con toni eccessivi). Molto lunga e divagante la parte centrale, dedicata alla saga dei Cabral e alla formazione del carattere ferrigno di Eli, la mamma di Oscar. Tutto però si tiene: c'è una bella tensione morale in ogni pagina del racconto, peraltro spassoso e con invenzioni e incisi straordinariamente divertenti.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima