Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La dottrina dell'immortalità della teologia orfica
La dottrina dell'immortalità della teologia orfica

La dottrina dell'immortalità della teologia orfica

by Johann Jakob Bachofen
pubblicato da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

11,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Prendendo la spunto dal ritrovamento, in un ipogeo di Canosa di Puglia, di un vaso policromo del III secolo a.C. raffigurante le varie tappe dell''anodos', ossia del ritorno dell'anima alla sua patria celeste secondo la dottrina pitagorica, Bachofen in questa "Dottrina dell'immortalità della teologia orfica" (1867) offre un ampio e affascinante quadro della religiosità orfica e delle sue successive, divergenti manifestazioni, dalla severa purezza dell''ars bene vivendi et bene moriendi' della Scuola ltalica alla travolgente sensualità del culto di Dioniso. Le sue fonti, in questo itinerario, non sono solo letterarie (anche se all'analisi di alcuni scritti di Plutarco, Porfirio, Cicerone e Macrobio sono dedicate pagine indimenticabili), ma soprattutto artistiche: sono le innumerevoli testimonianze della pittura vascolare e della scultura funeraria, le cui figurazioni simboliche e mitologiche Bachofen, fedele a una sensibilità tardo-antica (principalmente neoplatonica e neopitagorica), interpreta come espressioni di un unico pensiero insieme cosmologico e religioso. La speciale attenzione dedicata al fenomeno dionisiaco, ai culti misterici, all'arte funeraria e perciò alla presenza della morte nella vita antica, in stridente opposizione rispetto alla concezione 'oIimpica' della grecità allora dominante nelle scuole, potrebbero far pensare a Bachofen come a un precursore di Nietzsche. In realtà Nietzsche, negli anni giovanili del suo insegnamento a Basilea, nel periodo in cui concepì e scrisse la "Nascita della tragedia", ebbe modo di conoscere e frequentare l'autore del "Mutterrecht": ma lo studioso di Basilea, nel suo saldo e pacato conservatorismo, non condivise le intemperanze del suo giovane amico. Note di Umberto Colla.

Dettagli

Generi Religioni e Spiritualità » Mitologia e religioni antiche » Altre religioni e fedi » Altre religioni non cristiane , Storia e Biografie » Mitologia » Mitologia e Religioni antiche

Editore Bur Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana Classici

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 316

Lingua Italiano

Titolo Originale Die Unsterblichkeitslehre der orphischen Theologie auf den Grabdenkmalern des Altertums nach Anleitung einer Vase aus Canosa im Besitz des Herrn Prosper Biardot in Paris dargestellt von dr. J.J. Bachofen, Basel 1867

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788817106368

Traduttore Umberto Colla

Curatore U. Colla

Introduttore Umberto Colla

torna su Torna in cima