Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'uomo che guardava passare i treni
L'uomo che guardava passare i treni

L'uomo che guardava passare i treni

by Georges Simenon
pubblicato da Adelphi

Prezzo:
10,00 7,50
Risparmio:
2,50 -25 %
mondadori card 15 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 24 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Personaggio paradigmatico dell'universo simenoniano, Popinga si insinua nella mente del lettore con una stupefacente familiarità. E' come una carta da parati che abbiamo visto per anni e improvvisamente si metta a parlare. Dal momento in cui, un giorno, Popinga esce di casa e, chiudendo la porta, esce anche da se stesso, incontriamo di tutto e non riusciamo ad evitare di vederlo con i suoi occhi. Il delitto, il terrore, la fantasticheria, la solitudine, la lucidità, la puntigliosità: sono nuovi pezzi su una vecchia scacchiera, e con il loro aiuto Popinga tenta disperatamente di eludere lo scacco matto. Alla fine, la sua vita, di cui ormai sappiamo tutto, sarà passata davanti ai nostri occhi, e ai suoi, come uno di quei misteriosi treni che amava guardare nella notte.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Gli Adelphi

Formato Tascabile

Pubblicato  01/01/1991

Pagine  211

Lingua Italiano

Titolo Originale L'homme qui regardait passer les trains

Lingua Originale Francese

Isbn o codice id 9788845908361


Traduttore Paola Zallio Messori  -  P. Messori

5 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
2
4 star
3
3 star
0
2 star
0
1 star
0
L'uomo che guardava passare i treni soniamf

Sonia Martini - 07/10/2013 15:04

voto 4 su 5 4

Kees Popinga, il protagonista di questo libro è il classico padre di famiglia, ligio al dovere, marito fedele, buon lavoratore, fino a quando succede lirreparabile: la ditta per cui lavora, che per lui è un sicuro punto di riferimento, fallisce. Popinga, ormai rovinato, si trova improvvisamente solo con se stesso e si rende conto di non riconoscersi nella visione che gli altri hanno di lui. Inizia così a vivere sfuggendo alle proprie abitudini e a tutte le regole che fino a quel momento avevano posto limiti alla sua vita e alle sue scelte. E un romanzo giallo, che affronta uno dei temi centrali per lessere umano: lidentità. Una lettura difficile da interrompere..

L'uomo che guardava passare i treni irene.ricci

Irene Ricci - 07/10/2013 14:02

voto 5 su 5 5

Simenon è un abile maestro nel tratteggiare e dare voce ai pensieri dei suoi personaggi, tanto reali da sentirli "vicini", da entrare per un attimo nel loro mondo. Quest'opera è particolarmente avvincernte e interessante anche dal punto di vista psicologico.

L'uomo che guardava passare i treni

Anonimo - 29/06/2008 19:58

voto 5 su 5 5

Simenon riesce a presentare i suoi personaggi da più angolature. li costruisce ce li fa amare comprendere poi quando meno ce lo aspettiamo ribalta il punto di vista. il protagonista da un uomo in fuga dalla famiglia dalle stanche emozioni dalla vita ameba diventa negli occhi del suo segugio e ai nostri un efferato e sadico criminale. un romanzo sull'animo umano e i suoi misteri, le sue contraddizioni, scritto come questo grande scrittore sa fare.

L'uomo che guardava passare i treni

Francesco Passa - 18/05/2004 19:49

voto 4 su 5 4

Primo libro di Simenon. Non sarà l'ultimo, per me. Un libro che si legge piacevolmente, rapido, scritto bene, con cura e amore del particolare. Una storia scritta lievemente che pesa invece come un macigno. Nel protagonista del libro ci siamo tutti noi, è la parte ''black'' che aleggia nell'anima di tutti. Per me questo è un signor libro, questa è cultura

L'uomo che guardava passare i treni

Faldi - 29/08/2002 11:44

voto 4 su 5 4

Mai affrontato Simenon nonostante me lo consigliassero in tanti: pareva il solito scrittore di commissari. All'ennesima ''spinta'' di un amico ho ceduto ed ho quindi letto (meglio: divorato) il libro per me più accattivante di quelli letti ultimamente. E' bello, scritto benissimo. Ha una suspence nella sostanza forte ma del tutto ''leggera''. E' privo sia del macabro sia di quell'umorismo da 2 lire che pervade qualche libro del ''genere'' e a mio avviso lo rende indigesto. Compratelo, leggetelo e fatemi sapere se mi sono troppo esaltato !

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima