Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Cybersoviet. Utopie postdemocratiche e nuovi media
Cybersoviet. Utopie postdemocratiche e nuovi media

Cybersoviet. Utopie postdemocratiche e nuovi media

by Carlo Formenti
pubblicato da Cortina Raffaello

19,55
23,00
-15 %
23,00
Disponibile.
39 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

La rivoluzione digitale non cessa di alimentare profezie sul futuro della politica. E in atto una mutazione di civiltà per cui le organizzazioni gerarchiche che hanno dominato le moderne società industriali stanno lasciando il posto a organizzazioni a rete (network) decentrate e orizzontali, analoghe agli organismi di democrazia diretta della Russia rivoluzionaria (i Soviet). Ma il sogno di un Web che si autogoverna rischia di sortire un esito imprevisto: a schiacciare i "cybersoviet", questa volta, non saranno le baionette bolsceviche ma il trionfo di un capitalismo rampante, ben incarnato oggi da Google.

Dettagli

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Cybersoviet. Utopie postdemocratiche e nuovi media

Anonimo - 18/06/2008 15:30

voto 3 su 5 3

Lo scherno con cui l'Autore tratta la cultura politica liberale, a suo dire 'velleitaria e conformista', assomiglia all'atteggiamento spaccone dei vincitori. È grottesco che sia esercitato da un neo-marxista, erede dei perdenti della Storia. Faccio notare che i teorici liberali, tra tutti Sartori ( 'Democrazia Cos'è' oppure 'Elementi di Teoria Politica', libri che sicuramente l'Autore odierà ), non mettono la democrazia liberale in una correlazione così stretta con il liberismo come quella proposta dall'Autore. Per i teorici liberali è un 'pasticcio' (Sartori) confondere democrazia liberale e liberismo economico, o rappresentarli in relazione causale (tra parentesi si pensi al rapporto: autoritarismo cinese - economia di mercato). Nel discorso dell'Autore vi è, addirittura, identità tra i due. Questo perché è vagheggiato un inconfessato intento di fondo: la trasformazione radicale della realtà, la rivoluzione. Sbagliano i partiti socialisti ad operare in accettazione delle regole della democrazia liberale? Secondo l'Autore sì. Dovrebbero operare per sovvertire l'attuale ordinamento politico, sociale ed economico di matrice liberale-trattino-liberista e far sorgere il Sol dell'Avvenir. Formenti rutta in faccia a Fukuyama.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima