Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Figli dell'albergo
Figli dell'albergo

Figli dell'albergo

Sabrina Paravicini
pubblicato da Zelig

Prezzo online:
5,78
8,26
-30 %
-30% Outlet del libro
8,26
-30% Outlet del libro
Disponibile in 4-5 giorni.
12 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Questo romanzo è come un quadro naif: la stessa "semplicità" del tratto, oggetti e protagonisti collocati in strane proporzioni per l'assenza di ogni prospettiva classica, stesso iperrealismo trasognato. Ma proprio da questi contrasti apparentmente insanabili - che obbligano a una grande, istintiva mobilità di sguardo - nasce un'emozione tutta particolare.
Diventano malinconici i colori più solari, piene di mistero le scene più normali, struggenti i dettagli, al riparo dal "tragico" le esperienze più dolenti. Sembra di leggere un racconto sul mondo dei piccoli circhi, quelli tristi e un pò scalcinati ai quali tutta una letteratura ha abituato il nostro immaginario. Se però nel caso del circo lo spaesamento, l'assenza di radici è dato dal continuo spostarsi del carrozzone mentre il mondo resta fermo per i 'figli dell'albergo' ciò che ruota è proprio il mondo, le altre persone, tutti gli ospiti e gli "universi" che essi portano in quelle stanze, lungo quelle scale, nei saloncini dove la vera famiglia si perde, presente ma assente perché completamente assorbita dalla cura dei clienti. La casa c'è ed è lì, immobile... ma non è una casa. La famiglia c'è, ma non c'è per loro, per i 'figli dell'albergo'. "Questa casa non è un albergo", ripetono i genitori delle famiglie "normali" ai loro figli. "Questo albergo non è una casa", lamentano bambini e ragazzi costretti a crescere, a trovare l'indispensabile incontro-scontro con gli adulti in persone che attraversano le loro vite per poco e per caso. Ed è una situazione definitiva, anche in questo immobile, senza possibilità d'evoluzione. Come un quadro. Perché dall'albergo si può fuggire, sfuggire all'albergo mai. A loro, ai 'figli dell'albergo', quell'orfanità tutta speciale gliela si leggerà sempre in faccia. L'albergo è diventato, ormai, un luogo dell'anima.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Zelig

Collana Le vele

Formato Libro

Pubblicato 01/01/1997

Pagine 140

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788886471558

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Figli dell'albergo"

Figli dell
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima