Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Disponibile.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Petr Verchovenskij, guidato ideologicamente dal demoniaco Stavrogin, è a capo di un'organizzazione nichilista e lega i suoi seguaci con una serie di delitti. L'ultima vittima è Satov, un ex-seguace convertitosi alla fede ortodossa. Per coprire il delitto Petr obbliga Kirillov a scrivere una lettera di autodenuncia, prima di suicidarsi. Altri delitti, apparentemente immotivati, seguono e solo il suicidio di Stavrogin che si impicca nella soffitta del suo appartamento, sembra pore fine all'azione di questi "demoni.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici stranieri

Editore Bur Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana Classici

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/1981

Pagine 784

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788817123068

Traduttore G. Buttafava

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
I demoni

Gabriele - 13/07/2005 23:59

voto 5 su 5 5

E' stata una lettura molto impegnativa, ma che ho fatto per la seconda volta in diversa edizione: quest'edizione è ottima dato che ricostruisce le ragioni per cui Dostoevkskij si accinse a questo lungo romanzo. E' un romanzo molto particolare: le prime 2 parti sono un elenco di personaggi goffi e ridicoli eccetto il Demonio, Stavrogin: soltanto nella terza parte avvengono le cose gravi. Stavrogin è un Demonio che ha influenzato senza volerlo e senza chiedersi che cosa sia bene o male Stepanovic, che poi ha influenzato altri Demoni, tutti quelli che compaiono nel romanzo sono dei Demoni, perché tutti subiscono l'influenza di Stavrogin... ma chissà perché sia lui che Stepanovic sono diventati così meschini? Ho pensato perché non hanno mai avuto una famiglia e una vera educazione. Sono tanti i livelli di lettera di questo romanzo e io voglio dire questo.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima