Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Elmi e corazze di legionari si specchiano nel Tevere. L'Aquila e la Croce sulle insegne romane svettano al richiamo della battaglia. In prima fila, l'imperatore Costantino guida l'assalto dei suoi uomini, devastante. Il nemico è in fuga, ma il fragile ponte di legno non ne regge il peso. Non c'è via di scampo: le acque del fiume si tingono di rosso, chiudendosi su migliaia di cadaveri. È così che Costantino entra a Roma da trionfatore, con la testa del suo avversario Massenzio su una lancia. Ha realizzato l'ambizioso sogno di unificare il maledetto Impero. Ma a tenere tutto il mondo nelle proprie mani - mani che hanno impugnato la spada, mani sporche di sangue - si sta soli. E Costantino lo sa bene. La sua sete di potere lo ha spinto a calpestare chiunque, anche chi lo ama, dalla bellissima moglie Fausta al suo mentore Diocleziano, pagando un prezzo altissimo: la sua libertà. Perché nei palazzi del potere e sui campi di battaglia ogni alleanza può rivelarsi fatale e ogni combattimento essere l'ultimo. Simone Sarasso, con una scrittura che ha il ritmo e l'immediatezza del cinema, ripercorre l'epopea di Costantino il Grande e dà vita a un romanzo che cattura il lettore dalla prima all'ultima pagina. In cui la Storia non è mai stata così torbida e appassionante.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Romanzi storici , Romanzi e Letterature » Narrativa d'ambientazione storica

Editore Rizzoli Libri

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 30/11/2017

Lingua Italiano

EAN-13 9788858691489

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Invictus alessandro356

-

voto 3 su 5 Per molto tempo sono stato attratto dalla copertina di questo libro e infine mi sono deciso a leggerlo dopo aver terminato unaltra opera dellautore, Aeneas La nascita di un eroe, che però ho apprezzato molto di più. Invictus al contrario si è rivelato molto deludente. Innanzitutto è scritto con un linguaggio rozzo e grossolano, un linguaggio da taverna. La ricostruzione storica non è propriamente errata ma il modo in cui viene proposta rispecchia il linguaggio utilizzato, per cui lho trovata inverosimile ed elementare, spesso troppo semplicistica e carente, con diverse interpretazioni forzate. Anche i personaggi sono presentati in maniera rozza e infantile, interpretati fin troppo liberamente e in maniera improbabile. La figura di Costantino, come quella di sua madre e dei suoi eredi, meritava di meglio. E lo stesso vale per Diocleziano, la cui figura viene ridicolizzata quando invece mantenne autorevolezza e rispetto anche dopo labdicazione. Fausta invece ha fatto la fine che meritava. Non ho dato due stelle solo perché, tutto sommato, è un romanzo gradevole e la ricostruzione storica non è proprio terribile, per quanto riguarda la realtà cristiana ad esempio o in misura minore le campagne militari. Comunque per chi cerca un romanzo storico sullimperatore Costantino consiglierei di gurdare altrove, pur non avendo molte opzioni (a quanto ho sentito anche Frediani non è stato molto corretto con questo imperatore e chi gli era vicino).

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima