Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il rafforzamento culturale del sostrato mafioso, a partire dagli anni che accompagnano la formazione progressiva dell'Italia unita, avviene soprattutto tra il 1867 e il 1875. Questa particolare forma di liberalismo siciliano innestato sui tratti del tipico immobilismo meridionale, scaturito dalle concessioni in enfiteusi delle proprietà demaniali ed ecclesiastiche mai affidate ai contadini privi di terra, fu compiutamente realizzata nel solco di un innaturale matrimonio economico con l'ordine tradizionale, che ovviamente privilegiava il capitale e la medio-grande proprietà, con l'intendimento di bloccare sul nascere l'avanzata democratica, e mantenere inalterate condizioni generali di vita. I provvedimenti amministrativi dei governi unitari più che sviluppare le potenzialità della regione avevano aggiunto a una «servitù economica» una servitù «amministrativa». La mafia accompagnò le iniziative repressive volute da Roma, si coprì dei suoi rigori, accentuò il ruolo di intermediario tra Stato e società reale. E come al solito tutto fu riconducibile ai caratteri indigeni e alla moralità compromessa dei siciliani, a un travisamento del rusticano agire popolare. O tutto fu mafia affinché niente lo fosse realmente. Il Governo della Destra non sottovalutò il problema, semplicemente non lo ritenne tale, e secondo i principi delle vie punitive, si servì della mafia per raggiungere pragmaticamente propositi e scopi contingenti, quasi giustificò il "ricorso" alla violenza individuale, sottovalutò sempre più stratificati rapporti criminali.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Prosa letteraria » Narrativa d'ambientazione storica , Gialli Noir e Avventura » Romanzi storici

Editore Edizioni Il Grano

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 07/08/2015

Lingua Italiano

EAN-13 9788899045036

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "L'industria del crimine"

L
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima