Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'elenco di chi negli ultimi venticinque anni l'ha fatta franca grazie alla prescrizione e le altre leggi ideate per salvare i colletti bianchi è impressionante. Ci sono, solo per citare qualche nome, Giulio Andreotti, l'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, l'ex editore del gruppo Repubblica Carlo De Benedetti, due uomini chiave per la Fiat come Franzo Grande Stevens e Gianluigi Gabetti, il potente finanziere Fabrizio Palenzona, l'ex padrone del calcio italiano Luciano Moggi, il presidente della Lazio e imprenditore nel settore vigilanza e pulizie Claudio Lotito, il costruttore-editore Francesco Gaetano Caltagirone, l'ex numero uno di Eni ed Enel, Paolo Scaroni. Assieme a loro ci sono pure tanti politici, religiosi, funzionari dello Stato e industriali. Rappresentano il meglio (ma per alcuni il peggio) delle élite del Paese. A volte controllano giornali, televisioni, siti internet. A volte li foraggiano con le loro campagne pubblicitarie. Sempre, o quasi, frequentano o hanno rapporti di amicizia con opinion leader e con chi fa le leggi. In questo libro troverete molte loro storie e capirete perché in parlamento e nelle classi dirigenti solo una minoranza vuole una giustizia che davvero funzioni.

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Attivismo politico » Elezioni e referendum » Propaganda, controllo politico e libertà » Ideologie e Teorie politiche » Scienza e teoria politica

Editore Paperfirst

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 05/12/2019

Lingua Italiano

EAN-13 9788899784973

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La Repubblica degli impuniti"

La Repubblica degli impuniti
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima