Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'alba che aspettavamo. Vita quotidiana a Milano nei giorni di piazzale Loreto 23-30 aprile 1945 - Edgarda Ferri
L'alba che aspettavamo. Vita quotidiana a Milano nei giorni di piazzale Loreto 23-30 aprile 1945 - Edgarda Ferri

L'alba che aspettavamo. Vita quotidiana a Milano nei giorni di piazzale Loreto 23-30 aprile 1945

Edgarda Ferri
pubblicato da Mondadori

Prezzo online:
17,00
Prodotto acquistabile con Carte Cultura e Carta Docente
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

Milano dal 23 al 30 aprile 1945, i giorni dalla guerra alla pace, passando per piazzale Loreto. Una grande rappresentazione dove personaggi noti come Benito Mussolini, Osvaldo Valenti e Luisa Ferida, il sindaco Antonio Greppi, il partigiano Eugenio Curiel, i frati antifascisti de Piaz e Turoldo, il cardinale Schuster, gli ebrei Franca Valeri e Gillo Pontecorvo, la famiglia del musicista Michelangelo Abbado, la vedova del federale Resega, l'invalido repubblichino Carlo Borsani si mescolano alle persone comuni: il ragazzino che torna ossessivamente al suo campo di giochi dove ora si ammucchiano i morti ammazzati; i due giovani ebrei tedeschi clandestini a Milano; i condannati dai tribunali del popolo; il giovane partigiano evaso da San Vittore; la donna fascista che chiede al duce se tutto è davvero finito; Franco Cerri e Giampiero Boneschi, legati dalla musica e dall'amicizia, che fino alla mezzanotte del 24 aprile suonano jazz dall'emittente Radiotevere. Sullo sfondo di strade, piazze, scuole, palazzi bombardati, fra le macerie della Scala e di Santa Maria delle Grazie, si muovono freneticamente sfollati e sbandati, staffette e partigiani, tedeschi e fascisti in fuga, mentre i giornali antifascisti si stampano nelle cantine e al "Corriere della Sera" si vieta di uscire nel primo giorno di Milano liberata. Ogni angolo abitato e ogni emozione umana sono rappresentati e composti in una topografia dettagliata da cui senza retorica emerge una città che si ferma alle 2 del pomeriggio del 25 aprile per lo sciopero generale e il 29 si riversa come un fiume inarrestabile a piazzale Loreto, ultima macabra scena della tragedia della guerra. Una città massacrata, che però resiste, dove ciascuno a suo modo vive, dentro, accanto e fuori della Storia, quei fatidici giorni che chiusero un'epoca e ne aprirono un'altra.

Dettagli down

Generi Politica e Società » Guerra e difesa , Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia militare » Periodi storici » Storia del XX e XXI secolo » Storia d'Italia e delle Regioni italiane » Storia d'Italia

Editore Mondadori

Collana Le scie

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2005

Pagine 249

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804539452

torna su Torna in cima