Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi

by Maurizio De Giovanni
pubblicato da Einaudi

11,90
14,00
-15 %
14,00
Disponibile.
24 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Seduto con un cane a fargli compagnia, un bambino morto per caso. Un orfano, niente famiglia, niente amici. Una fossa comune. E invece qualcuno che si chiede perché, e come, e quando. Qualcuno che si mette a scavare in vite piccole, di cui non ci si cura, di cui non si sa niente. Qualcuno che non si rassegna all'urlo che non sente, al lamento che non riesce a trovare. Fino al giorno dei morti.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir » Gialli storici , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Einaudi

Collana Einaudi. Stile libero big

Formato Brossura

Pubblicato 11/06/2012

Pagine 312

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806213930

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi paoletta310

paoletta310 - 11/10/2013 11:33

voto 5 su 5 5

"Il giorno dei morti. Lautunno del commissario Ricciardi" è il capitolo conclusivo del "ciclo delle stagioni". È lepisodio in cui più il commissario si trova a fare i conti con se stesso. Sarà, forse, per il giorno in cui la verità viene a galla: il giorno dei morti, appunto, quando i vivi si ricordano e savvicinano a chi non cè più; tutti sono Ricciardi il 2 novembre. Forse, sarà perché in questo romanzo, così legato alla morte fin dal titolo, il "dono" di Ricciardi tace; il commissario si vede costretto a comunicare con i vivi (più e meno umani), cosa che non gli riesce facilissima. Ultima ipotesi, non è mai ben chiaro se il giorno dei morti sia occasione di gioia agrodolce, sospesa tra ricordi e parenti, o dolorosa malinconia. Così Ricciardi si ritrova sospeso tra la vellutata tentazione di Livia Lucani, vedova Vezzi, e la delicata dedizione di Enrica. A fare da grandiosa e sgangherata scenografia alla vicenda è Napoli, città di invisibili e disperati. È la storia di uninfanzia perduta, di un amore tragico. Lintreccio è potente, perfetto. Due personaggi vivono la storia: un vivo che vede i morti, Ricciardi, un morto che nel ricordo strazia i vivi, Tetè. Le loro voci si chiamano, si cercano tra le parole del libro; le loro vite sintrecciano fino al finale sconvolgente. Tutto il resto è silenzio. E' una lettura bellissima: un pugno allo stomaco, forse tra i libri di De Giovanni è il romanzo delle lacrime, ma è così ben scritto da risultare un piacere per la lettrice che cè in me. Cè una frase del libro che mi perseguita: "Amore, amore mio, che peccato". Ho capito perché: è un endecasillabo. Per noi italiani "il verso del cuore".

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima