Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il mondo si allontana? Il COVID-19 e le nuove migrazioni italiane
Il mondo si allontana? Il COVID-19 e le nuove migrazioni italiane

Il mondo si allontana? Il COVID-19 e le nuove migrazioni italiane

Maddalena Tirabassi - Del Prà Alvise
pubblicato da Accademia University Press

Prezzo online:
13,30
14,00
-5 %
14,00
27 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

Il racconto inizia dai primi giorni della pandemia, con le fughe per tornare in Italia, o nella propria casa all'estero, con le quarantane dei "ragazzi confinati in una stanza d'affitto" - in dubbio se seguire le norme anticontagio italiane o quelle del paese straniero - delle loro paure per i propri cari in Italia, unite a quelle per la perdita del lavoro. La seconda parte raccoglie gli interventi di parlamentari, funzionari, docenti, esponenti di enti e associazioni che si interrogano sul futuro delle mobilità italiane e sui provvedimenti da adottare per i milioni di italiani all'estero e per quel milione e più di nuovi migranti italiani che hanno lasciato il paese negli ultimi anni. L'inchiesta, a cui hanno partecipato oltre 1200 italiani all'estero da non più di 15 anni, mostra che gli expat più integrati economicamente hanno affrontato bene il lockdown. La grande maggioranza ha continuato a lavorare, chi normalmente, chi in modalità teleworking, oppure ha usufruito di ammortizzatore sociali come la cassa integrazione, o l'aspettativa retribuita. Da tutte le testimonianze emerge che i più colpiti sono stati gli 'invisibili' - quelli arrivati negli anni recenti, i lavoratori precari della ristorazione e del settore alberghiero che spesso hanno perso il lavoro, o sono rimasti a casa senza stipendio. Ma la maggioranza delle centinaia di intervistati, cresciuta nella cultura della mobilità, ha risposto di non aver dubbi sulla propria scelta migratoria.

torna su Torna in cima