Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'organizzazione dello Stato totalitario - Alberto Aquarone
L'organizzazione dello Stato totalitario - Alberto Aquarone

L'organizzazione dello Stato totalitario

Alberto Aquarone
pubblicato da Einaudi

Prezzo online:
30,00
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp
Esaurito
Consegna gratis da 24€
Condividi
facebook tweet linkedin whatsapp

Questo studio analizza l'organizzazione dello Stato italiano sotto il fascismo, così come andò gradualmente prendendo forma durante il ventennio della dittatura. Basato sulla documentazione inedita conservata presso l'Archivio Centrale dello Stato, tra cui quella - di eccezionale interesse - della Segreteria particolare del Duce, il lavoro di Aquarone si sforza di cogliere la dinamica interna dello Stato fascista nel vivo del suo svolgimento. Stato e partito, organi legislativi tradizionali e Gran Consiglio, struttura sindacale e organizzazione corporativa, esercito e milizia, strumenti di propaganda e strumenti di repressione poliziesca, sono studiati nella loro forma giuridica e nel loro reale funzionamento, nelle leggi che li reggono e nell'opera degli uomini che li sostanziano, entro il piú generale contesto di quel complesso e contraddittorio processo storico che fu il tentativo fascista di creare un regime totalitario.

Dettagli down

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia di altri terrritori , Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo » Politica e Istituzioni » Costituzione, Governo e Stato » Strutture e processi politici

Editore Einaudi

Collana Biblioteca Einaudi

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 620

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806165222

Introduttore Giorgio Lombardi

torna su Torna in cima