Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

« completa revisione della Costituzione. Era un abito perfetto quando fu indossato per la prima volta dalla nuova Repubblica, ma oggi è un abito liso e sfibrato e la Repubblica deve stare molto attenta nei suoi movimenti per non rischiare di romperlo definitivamente. È il parto dell'Assemblea Costituente avvenuto in un momento del tutto particolare nella vita della nostra nazione, ma che oggi, a cose assestate, risulta inefficiente e inadeguato. E, oltre tutto, non è più coerente con lo spirito che l'ha emanata, perché porta tuttora articoli di carattere transitorio».
Licio Gelli

«Le Costituzioni mostrano una forte influenza socialista () I sistemi politici nell'Europa meridionale hanno di solito le seguenti caratteristiche: esecutivo debole, stato centrale debole rispetto alle regioni, tutela costituzionale dei diritti dei lavoratori, sistema di consenso basato sul clientelismo; e contemplano il diritto di protestare se i cambiamenti sono sgraditi».
JP Morgan

«Nella preparazione della Costituzione, il governo non ha alcuna ingerenza (), nel campo del potere costituente non può avere alcuna iniziativa, neanche preparatoria. Quando l'Assemblea discuterà pubblicamente la nuova Costituzione, i banchi del governo dovranno essere vuoti; () se si vuole che questo scaturisca interamente dalla libera determinazione dell'assemblea sovrana».
Piero Calamandrei

In questo libro Antonio Ingroia recupera fatti e personaggi degli ultimi quarant'anni di storia italiana e offre un'"originale" ricostruzione sulle ragioni e sul percorso che hanno portato alla "controriforma" Renzi-Boschi.
Un'analisi dettagliata e documentata, che parte dagli anni Settanta, attraversa la Prima e la Seconda Repubblica districandosi tra vicende mafiose, misteri di Stato e ingerenze della massoneria deviata e internazionale, e arriva ai giorni nostri, a Matteo Renzi e all'egemonia delle lobby affaristico-finanziarie, in un'Europa sempre più tecnocratica.
Grazie alle sue conoscenze, l'ex magistrato illustra la pericolosità di un progetto che approda al referendum costituzionale venendo da un passato oscuro e lontano. Uno studio lucido e approfondito.
Ma anche la denuncia di un "partigiano della Costituzione", che vede l'ennesimo "attacco alla nostra democrazia" e che perciò sente l'esigenza di schierarsi dalla parte della Costituzione nel ricordo degli uomini della Resistenza col cui sangue la nostra Carta dei diritti è stata scritta. Nella consapevolezza che questa è una battaglia non di parte, ma di tutti, perché la Costituzione è la casa di tutti. E che non si può rimanere agnostici, in quanto, dopo questo referendum, l'Italia non sarà più come prima. È uno spartiacque da cui dipenderà il nostro futuro: saremo cittadini attivi e sovrani o sudditi apatici?

Antonio Ingroia, oggi avvocato, giornalista e presidente del movimento politico "Azione Civile", è stato per più di vent'anni pubblico ministero antimafia a Palermo, ove ha iniziato la propria carriera con Paolo Borsellino e Giovanni Falcone e ha condotto importanti indagini su mafia e politica (Contrada, Dell'Utri, trattativa Stato-mafia, omicidio Rostagno). Collaboratore di varie riviste e quotidiani, fra cui Micromega, l'Unità e il Fatto Quotidiano, ha di recente pubblicato C'era una volta l'intercettazione (2009); Nel labirinto degli dei (2010); Palermo (2012); Io so (2012) e Vent'anni contro (con Gian Carlo Caselli, 2013).

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Costituzione, Governo e Stato

Editore Imprimatur

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 15/09/2016

Lingua Italiano

EAN-13 9788868305086

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Dalla parte della Costituzione"

Dalla parte della Costituzione
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima