Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Premio Strega 2013, il vincitore è Walter Siti

di Redazione mondadoristore.it

Walter Siti, Resistere non serve a niente
Resistere non serve a niente
si è aggiudicato il 67. Premio Strega.
Siti si è distanziato dal secondo arrivato, Alessandro Perissinotto con quasi 100 voti (165 contro 78). Il terzo posto è andato a Paolo Di Paolo con Mandami tanta vita (77 voti) seguito da Romana Petri (63 voti) e da Simona Sparaco (26 voti). 

Del  libro di Walter Siti sono disponibili la versione tradizionale in carta e quella digitale. Ma in eBook c'è anche il solo Prologo: quarantacinque pagine, incluse comunque nell'edizione integrale, in un assaggio a soli 0,99 euro. E chi assaggia difficilmente scamperà all'acquisto di questo straordinario romanzo sull'Italia contemporanea.


Chi è Walter Siti?

Walter Siti non è nuovo al pubblico dei lettori. Classe 1947, critico letterario e docente universitario, in particolare studioso dell'opera di Pasolini, di cui ha curato le edizioni nei Meridiani della Mondadori. Solo nel 1994 Siti decide di cimentarsi con la narrativa. Ha pubblicato 7 romanzi, l'ultimo è Resistere non serve a niente.
 

Il Premio a ritroso: dalla cinquina dei finalisti ai 26 candidati iniziali

Ecco i 5 finalisti che il 4 luglio si sono contesi l'ambitissimo Premio Strega. Sono stati scelti da 408 su 460 votanti (di cui 160 voti online). Sono Alessandro PerissinottoWalter SitiRomana PetriPaolo Di PaoloSimona Sparaco.

 

Alessandro Perissinotto, Le colpe dei padri (78 voti)  

Conflitti generazionali, conflitti sociali, conflitti personali. Le colpe dei padri è un ritratto sofferto e sferzante dell’incontro tra due mondi che sembrano così distanti tra loro e che invece si intersecano in più punti, a volte addirittura si schiacciano l’uno contro l’altro. Nel romanzo la congiunzione tra questi due mondi è Guido Marchisio, o meglio: è il momento in cui Guido (forte potente espressione della migliore borghesia industriale torinese) si scopre essere in realtà Ernesto Bolle, figlio di due militanti di sinistra morti negli anni Settanta, adottato dalla famiglia Marchisio. In quel momento le lotte sindacali di allora irrompono nella crisi economica di oggi e nello spettro dei licenziamenti e della cassa integrazione. 

Leggi il nostro speciale 

Walter Siti, resistere non serve a niente (165 voti)  

product name
- 50 %
17,00 € 8,50 €
- 50 %
17,00 € 8,50 €

Pochi scrittori italiani come Walter Siti sanno immergersi nel magma bollente della nostra società per trarne dettagli essenziali ed evidenziare tutte le macchie e le magagne che vi si nascondono. Nei suoi ultimi romanzi ha scandagliato a fondo i terreni che ha di volta in volta calcato come “osservatore partecipante” - dal mondo della televisione a quello accademico, dalla borgata romana alla città e ai suoi recessi fatti di droga e sessualità - e ne ha sempre colto una tendenza demolitrice, quell’attesa dirompente che precede il crollo. Lo stesso avviene in Resistere non serve a niente in cui l’osservato speciale è il mondo della finanza, o per meglio dire quel perverso intreccio che si instaura tra denaro (tanto), sesso e crimine.

Romana Petri, Figli dello stesso padre (63 voti)  

Disponibilità immediata - meno di 3 pezzi a magazzino

voto 0 su 5
product name
- 15 %
16,40 € 13,94 €
- 15 %
16,40 € 13,94 €

Figli dello stesso padre, ma di due donne diverse, Germano ed Emilio si rivedono dopo un lungo silenzio. Sono diversissimi, accomunati unicamente dall'amore insoddisfatto per il padre Giovanni, una figura possente, passionale ed egocentrica, che ha abbandonato la madre di Germano perché la sua nuova donna aspettava un figlio, Emilio, per poi abbandonare poco dopo anche lei come tutte le altre donne della sua vita. Germano, pur essendo sempre stato il preferito del padre, non ha mai perdonato al fratello minore di essere la causa del divorzio dei genitori. Emilio, cresciuto sapendo di essere il figlio non voluto, ha sempre cercato, invano, l'affetto del padre e del fratello.

Paolo di Paolo, Mandami tanta vita (77 voti)  

product name
- 15 %
13,00 € 11,05 €
- 15 %
13,00 € 11,05 €

Moraldo, arrivato a Torino per una sessione d'esami, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia e disegna caricature, coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato riviste, una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Sono i giorni di carnevale del 1926...

Simona Sparaco, Nessuno sa di noi (26 voti)  

product name
- 15 %
12,00 € 10,20 €
- 15 %
12,00 € 10,20 €

Un desiderio frustrato di maternità è il nucleo doloroso di questo romanzo psicologico che scava a fondo nell’animo di una giovane donna di fronte al più drammatico dei casi di coscienza. Luce e il suo compagno Pietro hanno desiderato tanto un figlio, e quando finalmente il sogno sta per avverarsi e mancano solo due mesi al parto, l’ecografia rivela una grave patologia, una displasia scheletrica che comporta, in caso di sopravvivenza, incurabili malformazioni. Qual è la cosa giusta quando tutte le strade portano a un vicolo cieco? Che cosa può l'amore? E quante sono le storie di luce e buio vissute dalle persone che ci passano accanto? 

Tutti i candidati allo Strega 2013 Tutti

Aspettavamo con ansia, e ora li conosciamo. Il 5 aprile sono stati resi noti tutti i libri candidati alla LXVII edizione del prestigiosissimo e sempre discusso Premio Strega. Per la prima volta, il tutto è avvenuto anche su twitter, dove l'hashtag #Strega13 continuerà a rivelare le novità sul Premio, le critiche e le più svariate osservazioni dei lettori fino alle date delle prossime votazioni. Ma questo non è che l'inizio: la giuria del Premio - composta dagli Amici della domenica - si riunirà il 16 aprile per scegliere 12 tra gli attuali 26 libri, mentre per la cinquina dei finalisti bisognerà aspettare il 12 giugno e per la proclamazione del vincitore il 4 luglio. Intanto godiamoci le storie e gli autori scelti per la prima selezione: quest'anno ci sono anchetanti titoli di piccoli editori: spunti di lettura utilissimi per scoprire romanzi italiani che non abbiamo ancora letto.

I libri scelti in ordine d'autore


1. Apnea, di Lorenzo Amurri (Fandango). Presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi 

2. La società segreta degli eretici, di Ilaria Beltramme (Newton Compton). Presentato da Arnaldo Colasanti e Paolo Petroni

3. La seconda India, di Laura Bocci (Manni). Presentato da Walter Pedullà e Lidia Ravera

4. Da costa a costa, di Lorenzo Bracco e Dario Voltolini (BookSprint). Presentato da Marcello Fois e Silvio Perrella

5. La mia unica amica, di Eliana Bouchard (Bollati Boringhieri). Presentato da Paolo Di Stefano e Massimo Raffaeli

6. El especialista de Barcelona, di Aldo Busi (Dalai editore). Presentato  da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi

7. Romanzo irresistibile della mia vita vera, di Gaetano Cappelli (Marsilio). Presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise

8. Esercizi sulla madre, di Luigi Romolo Carrino (Perdisa). Presentato da Roberto Barbolini e Francesco Durante

9. Cate, io, di Matteo Cellini (Fazi). Presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola

10. Cacciatori di frodo, di Alessandro Cinquegrani (Miraggi). Presentato da Enrico Castelnuovo e Pietro Gibellini

11. Sofia si veste sempre di nero, di Paolo Cognetti (minimum fax). Presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini

12. Il candore delle cornacchie, di Totò Cuffaro (Guerini). Presentato da Gianpiero Gamaleri e Marco Staderini

13. Di muro in muro, di Geppino D’Alò (Guida). Presentato da Louis Godart e Giampaolo Rugarli

14. Mandami tanta vita, di Paolo Di Paolo (Feltrinelli). Presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy

15. Il cielo è dei potenti, di Alessandra Fiori (e/o). Presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino

16. Però un paese ci vuole. Storia di nebbie e contentezza, di Giovanna Grignaffini (La Lepre). Presentato da Umberto Eco e Raffaele La Capria

17. Gola di Pietra, di Luigi Lambertini (Reverdito). Presentato da Silvana Gaudio e Lorenza Trucchi

18. Suicide Tuesday, di Francesco Leto (Perrone). Presentato da Giorgio Barberi Squarotti e Alessandro Masi

19. L’uso della vita. 1968, di Romano Luperini (Transeuropa). Presentato da Angelo Guglielmi e Raffaele Simone

20. Atti mancati, di Matteo Marchesini (Voland). Presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey

21. Le colpe dei padri, di Alessandro Perissinotto (Piemme). Presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella

22. Figli dello stesso padre, di Romana Petri (Longanesi). Presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro

23. L’esilio dei figli, di Claudia Pozzo (Gremese). Presentato da Maurizio Cucchi e Paolo Ruffilli

24. Resistere non serve a niente, di Walter Siti (Rizzoli). Presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone

25. Nessuno sa di noi, di Simona Sparaco (Giunti). Presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca

26. Stringimi prima che arrivi la notte, di Claudio Volpe (Edizioni Anordest). Presentato da Cesare Milanese e Renato Minore

torna su Torna in cima